FST Mediateca Toscana Film Commission
News

Ai Corti d'Argento 2017 nominati quattro registi toscani

Annunciata, giovedì 6 aprile, la selezione ufficiale dei titoli in lizza per i Corti d'Argento 2017, il riconoscimento al cinema italiano attribuito dal sindacato nazionale giornalisti cinematografici (Sngci).

Dalla giuria del sindacato, presieduto da Laura Delli Colli, saranno assegnati due Nastri d'Argento: al miglior corto di fiction e al miglior corto d'animazione, insieme alle menzioni speciali dell’anno. Alla selezione si aggiungono i corti dei giovani autori proposti a Studio Universal, ancora una volta insieme ai Corti d’Argento, per la scelta del vincitore del Cinemaster 2017. La giuria del direttivo Sngci ha selezionato i film tra centoquaranta titoli pervenuti, della durata massima di 20’ e realizzati nel corso dell'anno.

Tra la rosa delle opere nominate ai Corti d'Argento 2017, quattro sono realizzati da registi toscani: Offline, di Emanuela Mascherini, Ovunque Proteggi, di Massimo Bondielli, Mostri, di Adriano Giotti e No Borders di Haider Rashid.

Emanuela Mascherini, giovane attrice, scrittrice e regista fiorentina, nella sua ricerca ha da sempre prediletto la valorizzazione del ruolo della donna, nel cinema e nella società. Al suo attivo, come regista, ha già alcuni corti pluripremiati in molti festival, come Nerofuori, Dinamite, 2011 Luna Semprestorta e Drops. Nel corto Offline affronta per la prima volta il tema delle relazioni virtuali che hanno cambiato, nella società attuale, i rapporti uomo-donna. Il documentarista viareggino Massimo Bondielli, con Ovunque proteggi, ci porta nel dramma della strage ferroviaria del 2009 della sua città, nella quale persero la vita trentadue persone, ognuna delle quali è una storia da valorizzare e raccontare.

Il 2016 è stato un anno particolarmente produttivo per il giovane regista fiorentino Adriano Giotti: è infatti lo scorso anno che ha realizzato il suo primo lungometraggio Sex Cowboys - premiato come miglior film italiano al RIFF Rome Independent Film Festival - e due corti, Esseri di stelle e Mostri. Quest'ultimo, nominato ai Corti d'Argento 2017, racconta di Alex quarantenne ex-tossicodipendente, il cui padre teme che egli possa ricadere nella droga, ora che deve dare l’addio al cane, l’unica cosa alla quale da senpre tiene davvero. In No Border, il fiorentino Haider Rashid, grazie alla partecipazione di Elio Germano nelle vesti dell'intervistatore, realizza con la tecnica della realtà virtuale un film-inchiesta su temi sociali: al centro Baobab di Roma e al No Borders di Ventimiglia. Il primo è un centro capitolino di raccolta per i migranti, sgomberato nel 2015, mentre il secondo è un presidio permanente di confine, in cui si lotta per il diritto alla mobilità delle persone.

Il prossimo 20 Aprile, alla Casa del Cinema di Roma, come sempre negli ultimi anni, il sindacato Sngci dedicherà ai corti una mattinata di approfondimento in collaborazione non solo col Cinemaster di Studio Universal ma anche con il Centro Nazionale per il Cortometraggio. www.cinemagazineweb.it






[ << indietro ]