FST Mediateca Toscana Film Commission

Casa circondariale "Mario Gozzini" (Firenze)

La casa circondariale Mario Gozzini, conosciuta anche con il nome di Solliccianino, è collocata nella periferia ovest di Firenze al confine con il comune di Scandicci, in via Girolamo Minervini 8, a pochi metri dal grande Complesso Penitenziario di Sollicciano.
L'istituto, inaugurato il 15 Giugno 1989 con il nome di Sollicciano 2l’anno successivo ha preso il nome di Mario Gozzini, senatore fiorentino che fece approvare la legge n.663 del 1986 (conosciuta anche come Legge Gozzini), che portò sensibili miglioramenti all'ordinamento penitenziario.
L’istituto è nato come primo istituto a custodia attenuata di tutto il territorio italiano, avviando e sperimentando quello che poi è divenuto un modello trattamentale che si è diffuso in quasi tutti i contesti regionali. Oggi, secondo il nuovo progetto dei circuiti penitenziari della regione Toscana, l’Istituto, conservando il regime di custodia attenuta ed il trattamento avanzato, si configura come casa di reclusione di primo livello ed accoglie detenuti provenienti prevalentemente dagli altri istituti della Toscana, in gran parte su loro richiesta, condannati per reati non collegati alla criminalità organizzata o di  tipo sex offenders e selezionati in base alla pena, che non deve essere superiore ai 5/6 anni.
La filosofia dell’istituto è quella di trasformare la pena da fatto afflittivo e traumatico in occasione per riflettere e riprogettare la propria esistenza.
La capienza attualmente prevista per l’istituto è di complessivi 90 posti letto ripartiti nelle cinque sezioni. Ogni sezione, consta di 8 celle con servizi (due stanze triple e sei doppie) e di un refettorio dove i detenuti consumano in comune i pasti e trascorrono parte del tempo libero.
Ogni giorno i detenuti, dalla mattina possono circolare liberamente all’interno delle sezioni e possono accedere alle attività che hanno luogo al pianoterra dell’istituto.
Le attività, scolastiche, formative, culturali, ricreative e sportive si svolgono fino alle ore 16,30 e quando possibile fino alle 18.00
Gli incarichi lavorativi vengono assegnati con turnazioni trimestrali, secondo una graduatoria che tiene conto della situazione personale ed economica di ciascuno.
Gli interventi di sostegno ed orientamento, individuali e di gruppo, sono costanti e, laddove è possibile, i familiari dei detenuti vengono attivamente coinvolti nel progetto riabilitativo.
Presso la struttura M.Gozzini si trova anche la sezione di semilibertà di Firenze, dotata di camere da più posti letto ed un ampio refettorio-soggiorno. Il reparto può ospitare fino a 35 semiliberi.
Nel 1993 Mediateca, a seguito della richiesta da parte dell'Istituto, inizia il primo cineforum che successivamente, senza interruzioni, si sviluppa come laboratorio di alfabetizzazione al linguaggio audiovisivo. I corsi si svolgono in collaborazione con lo staff trattamentale ed in particolare con la scuola e sono finalizzati ad un significativo intervento educativo interdisciplinare.

Produzioni Casa circondariale "Mario Gozzini" (Firenze)

    Nessuna produzione presente

Archivio delle produzioni

  • VIDEO
  • AUDIO
  • GALLERY
  • DOCUMENTO

Primo Piano Casa circondariale "Mario Gozzini" (Firenze)

Archivio Casa circondariale "Mario Gozzini" (Firenze)

A cura di Sveva Fedeli - Grafica Andrea Magagnato
L'utilizzo e la riproduzione (anche parziale) dei contenuti del sito sono consentiti solo previa autorizzazione. Per informazioni scrivere a