FST Mediateca Toscana Film Commission

Notizie

Estate al Fresco

La seconda serata di Estate al fresco inizierà con un apericena realizzato con prodotti per celiachi e con prodotti etnici curato e finanziato dall’Associazione Italiana Celiachia –Toscana, dall'Associazione "Nosotras Onlus" e dalla Unicoop Firenze - Sezione Soci Coop Empoli.
Le prime due Associazioni si occuperanno anche dell’individuazione del menù e della preparazione dei piatti insieme ad alcune detenute. Durante l'aperitivo alcune detenute leggeranno le ricette recitandole in maniera divertente con il coordinamento degli operatori della Fondazione Sistema Toscana che conducono in Istituto il laboratorio di alfabetizzazione al cinema.c Sul finire dell’apericena vi sarà la sfilata delle detenute che indosseranno i vestiti realizzati nel laboratorio di sartoria interno nell’ambito del progetto “Per dire stop” organizzato dall’Associazione Solidarietà Caritas Onlus di Firenze.
Dopo la sfilata vi sarà la presentazione di “Lanterne Magiche” nell’ambito del laboratorio di alfabetizzazione al cinema gestito, per la Regione Toscana, dalla Fondazione Sistema Toscana - Formazione e Attività Educative per il Sociale. Si tratta di un programma interdisciplinare, per l’alfabetizzazione al cinema, coordinato da Sveva Fedeli in collaborazione con la Direzione della Casa Circondariale di Empoli. Il progetto del 2016, condotto da Maria Luisa Carretto e Pinangelo Marino, è stato un laboratorio di voce/dizione per la lettura, e successiva realizzazione di un audiolibro, del volume scritto nella Casa Circondariale di Firenze “Sollicciano” dal titolo Alice, la guardia e l'asino bianco.
A seguire vi sarà lo spettacolo teatrale “Signore di diventa” curato e promosso dall'Associazione "L'Acqua in gabbia" di Vinci. Lo spettacolo, con la regia di Luana Ranallo ed il coro diretto da Ilaria Salvini, parla con ironia delle donne, divertendosi a mettere a confronto stereotipi antichi come quelli del secondo dopoguerra ed il multiforme, poliedrico mondo delle donne di oggi, attraverso sketch teatrali, poesie e canzoni.
L'ingresso è gratuito dalle 18.30. Per entrare in Istituto occorre prenotarsi entro il 17 luglio 2016 comunicando alcuni dati (nome, cognome, luogo e data di nascita, numero di telefono) al seguente indirizzo e-mail lucia.scaramuzzino@giustizia.it.
Per accedere alla Casa Circondariale di Empoli occorre essere muniti di un documento d’identità valido.
Si evidenzia che è vietato introdurre telefoni cellulari, che è preferibile lasciare le borse nelle proprie autovetture e che, in caso di presenza di minori non accompagnati dai genitori, è necessario produrre l’autorizzazione firmata dai genitori di consenso all'ingresso in Istituto del minore in occasione dell’evento.

Numerosi i partecipanti la sera del 19 luglio; quasi 200 ospiti alla cena offerta dall'Associazione Onlus Nosotras. Una spettacolare serata all'insegna della moda, con gli abiti e le borse da spiaggia prodotte dalle ragazze di Empoli. Presentato anche il saggio finale del laboratorio di Lanterne Magiche.
Momenti di grande generosità, la Polizia Penitenziaria e le donne recluse hanno offerto al numeroso pubblico, l'organizzazione e la preparazione di cibo molto elaborato. Per le ricette il sostegno di Nosotras e dell'Associazione Italiana Ciliachia.
Piatti belli da vedere, buoni da gustare, tutto in armonia durante una serata estiva trascorsa con le famiglie, gli amici, l'Assessore Arianna Poggi del Comune di Empoli, i volontari, gli insegnanti dei corsi e conclusasi con l'ironico spettacolo "Signore si diventa".
Sotto trovate il link per ascoltare il documentario acustico realizzato da Maria Luisa Carretto e le ragazze che hanno presa parte al laboratorio di Lanterne Magiche.

Nel corso dell'anno il libro adottato per il laboratorio sulla voce è stato "Alice, la guardia e l'asino bianco" scritto da Monica Sarsini con le detenute della Casa Circondariale di Firenze Sollicciano.

Alcune delle recluse di Empoli, provenienti da Sollicciano, hanno scelto la lettura di questo testo. Col passare del tempo si è capito che l'esercizio di lettura poteva divenire un documentario acustico.
Si vuole quindi ringraziare le autrici del libro per averci prestato, con fini educativi anche se a loro insaputa, le loro storie.




A cura di Sveva Fedeli - Grafica Andrea Magagnato
L'utilizzo e la riproduzione (anche parziale) dei contenuti del sito sono consentiti solo previa autorizzazione. Per informazioni scrivere a