]> 047806 NA47960 1 cristina 8 gm mul Id Record: NA47960 creata il 24/11/2015 da cristina. Biblioteca: Mediateca Regionale Toscana <b><a href="vedi_risultati.php?t1=NAAUAF00048498">LIBERMAN, Tami</a><\b> <b><a href="vedi_risultati.php?t1="></a><\b> <b><a href="vedi_risultati.php?t1="></a><\b> Napps - Memoire of an Invisible Man [risorsa elettronica] / regia e montaggio Tami Liberman ; sceneggiatura Tami Liberman, Mr. X ; fotografia Mr. X ; suono Matthias Kaatsch ; musica Hans Koch DE : <a href="vedi_risultati.php?t1="></a><a href="vedi_risultati.php?t1=NAEDAF00019754">Aug & Ohr Medien</a>, 2014 Aug & Ohr Medien 2014 1 file AVI (474 mb) (30 min.) : color., son. Documentario. <a href="/catalogo/multimedia/video_login.php?filename=NAPPS.avi">VISIONA IL FILMATO</a>. Festival dei Popoli, 2015 - Alì nella Città. Sottotitoli in inglese. L'uomo invisibile non è il personaggio di un film di fantascienza, anche se il livello giuridico in cui la sua esistenza è 'esclusa', proprio per non venire mai inclusa, qualcosa di fantascientifico lo possiede. Mr. X – lui è l'uomo invisibile – filma Berlino e racconta una storia, talvolta incalzato da Tami Liberman. Non abbiamo dettagli anagrafici, ma Mr. X non potrebbe essere più vivo di così. Sottrarsi all'inquadratura è la presenza più forte e libera che il cinema possa offrirgli. Cosa significa avere 'Napps', ossia la voglia pazza di essere altrove, nello specifico Berlino? Una volta giuntovi, Mr X non ha più nome e nel documentario che accetta di girare perde anche il volto. Il suo diviene un filmare che riproduce lo sguardo furtivo di chi non sa dove 'trovarsi' e ha da trascendere continuamente l'irreale crinale delle attese. L'altrove di Mr X si appoggia allo scenario del presente e sa non trattenere.“Ricordare è importante ma è molto più importante dare ciò che non ti è necessario a qualcun'altro”. Le cose sovraccaricano lo schermo e si fanno residuo e cianfrusaglia del vedere. Perchè conservarle quando, se s'impara davvero qualcosa dal visitare l'altrove, essa è la perdita? (c.z.) [br][br] The invisible man is not the character from a sci-fi movie, even if according to the juridical framework from which his existence is excluded, precisely not to be ever included, is reminiscent of sci-fi. Mr X – the invisible man – films Berlin and tells a story. At times, he is pressed by Tamil Liberman. We don’t have any personal data, but Mr X could not be more alive than this. To shy away from the film frame is the most powerful and freest presence that cinema could give him. What means to have ‘Napps,’ i.e. to be crazy for being elsewhere, namely in Berlin? Once there, Mr X doesn’t have a name anymore. In the documentary he agrees to make, he loses his face as well. His filming reproduces the furtive gaze of someone who does not know where he/she is, therefore is obliged to transcend the unreal ridge of expectation. The elsewhere of Mr X holds on to the scenario of the present time, but can also not cling to anything. “To remember is important, but even more important is to give what you don’t need to someone else.” Things clog the screen like leftovers or bits and pieces from the act of seeing. Why keep them when, if you ever learn something from visiting the elsewhere, this is loss?(c.z.) ENG <a href="vedi_risultati.php?t1=NAAUAF00048500">Mr. X</a>. <a href="vedi_risultati.php?t1=NAAUAF00048499">Kaatsch, Matthias</a>. <a href="vedi_risultati.php?t1=NAAUAF00048494">Koch, Hans</a>. Mediateca Regionale Toscana, <b>INV.:</b> D9534 - <b>SERIE</b> documentari, <b>NUM. DVD:</b> Videolibrary del Festival dei popoli, <b>QUALITÀ:</b> buona
 
copertina GUARDA L'INDICE
LIBERMAN, Tami
Napps - Memoire of an Invisible Man [risorsa elettronica] / regia e montaggio Tami Liberman ; sceneggiatura Tami Liberman, Mr. X ; fotografia Mr. X ; suono Matthias Kaatsch ; musica Hans Koch
DE : Aug & Ohr Medien, 2014
1 file AVI (474 mb) (30 min.) : color., son.
Festival dei Popoli, 2015 - Alì nella Città. Sottotitoli in inglese.
Mr. X. Kaatsch, Matthias. Koch, Hans.
Abstract: L'uomo invisibile non è il personaggio di un film di fantascienza, anche se il livello giuridico in cui la sua esistenza è 'esclusa', proprio per non venire mai inclusa, qualcosa di fantascientifico lo possiede. Mr. X – lui è l'uomo invisibile – filma Berlino e racconta una storia, talvolta incalzato da Tami Liberman. Non abbiamo dettagli anagrafici, ma Mr. X non potrebbe essere più vivo di così. Sottrarsi all'inquadratura è la presenza più forte e libera che il cinema possa offrirgli. Cosa significa avere 'Napps', ossia la voglia pazza di essere altrove, nello specifico Berlino? Una volta giuntovi, Mr X non ha più nome e nel documentario che accetta di girare perde anche il volto. Il suo diviene un filmare che riproduce lo sguardo furtivo di chi non sa dove 'trovarsi' e ha da trascendere continuamente l'irreale crinale delle attese. L'altrove di Mr X si appoggia allo scenario del presente e sa non trattenere.“Ricordare è importante ma è molto più importante dare ciò che non ti è necessario a qualcun'altro”. Le cose sovraccaricano lo schermo e si fanno residuo e cianfrusaglia del vedere. Perchè conservarle quando, se s'impara davvero qualcosa dal visitare l'altrove, essa è la perdita? (c.z.)

The invisible man is not the character from a sci-fi movie, even if according to the juridical framework from which his existence is excluded, precisely not to be ever included, is reminiscent of sci-fi. Mr X – the invisible man – films Berlin and tells a story. At times, he is pressed by Tamil Liberman. We don’t have any personal data, but Mr X could not be more alive than this. To shy away from the film frame is the most powerful and freest presence that cinema could give him. What means to have ‘Napps,’ i.e. to be crazy for being elsewhere, namely in Berlin? Once there, Mr X doesn’t have a name anymore. In the documentary he agrees to make, he loses his face as well. His filming reproduces the furtive gaze of someone who does not know where he/she is, therefore is obliged to transcend the unreal ridge of expectation. The elsewhere of Mr X holds on to the scenario of the present time, but can also not cling to anything. “To remember is important, but even more important is to give what you don’t need to someone else.” Things clog the screen like leftovers or bits and pieces from the act of seeing. Why keep them when, if you ever learn something from visiting the elsewhere, this is loss?(c.z.)
Lingua: Inglese.
Genere: Documentario.
VISIONABILE IN MEDIATECA SENZA PRENOTAZIONE