]> 051637 NA51799 1 cristina 8 gm mul Id Record: NA51799 creata il 05/11/2019 da cristina. Biblioteca: Mediateca Regionale Toscana <b><a href="vedi_risultati.php?t1=NAAUAF00056905">KNITTEL, Tomasz</a><\b> <b><a href="vedi_risultati.php?t1="></a><\b> <b><a href="vedi_risultati.php?t1="></a><\b> Z&#322;ota [risorsa elettronica] = Z&#322;ota / regia Tomasz Knittel ; fotografia Maciej Puczy&#324;ski ; montaggio Arek Iwaniuk ; musica José Manuel, Albán Juárez PL : <a href="vedi_risultati.php?t1="></a><a href="vedi_risultati.php?t1=NAEDAF008055">[s.n.]</a>, 2019 [s.n.] 2019 1 file AVI (854 mb) (84 min.) : color., son. Documentario. <a href="/catalogo/multimedia/video_login.php?filename=zlota.avi">VISIONA IL FILMATO</a>. Festival dei Popoli, 2019 - Polish Institute. Sottotitoli in inglese. ENGLISH Why is Poland sometimes so tiring? What does it mean to be Polish? Is a tolerant or xenophobic nation? These and many other questions are posed by the film characters, the residents of today’s Warsaw, to each other (and the viewers). The group includes also those who came from very different cultures. Among them, there is Krzysztof whose family has recently recovered a townhouse owned by their Jewish ancestors before the war. He cannot see a place for himself in this country. His personal story gives rise to a few tales where the main theme is a sense of belonging. ITALIANO Perché la Polonia a volte è così faticosa? Cosa significa essere polacchi? È una nazione tollerante o xenofoba? Queste e molte altre domande sono poste ai personaggi del film, gli abitanti della Varsavia di oggi, gli uni agli altri (e agli spettatori). Il gruppo comprende coloro che sono provengono da culture molto diverse. Tra questi, c'è Krzysztof, la cui famiglia ha recentemente recuperato una casa di città di proprietà dei loro antenati ebrei prima della guerra. Non può vedere un posto per se stesso in questo paese. La sua storia personale dà origine ad alcune storie in cui il tema principale è il senso di appartenenza. POL <a href="vedi_risultati.php?t1=NAAUAF00060773">Juárez, Albán</a>. <a href="vedi_risultati.php?t1=NAAUAF00060774">Manuel, José</a>. <a href="vedi_risultati.php?t1=NAAUAF00060775">Iwaniuk, Arek</a>. <a href="vedi_risultati.php?t1=NAAUAF00060776">Puczy&#324;sk, Maciej</a>. Mediateca Regionale Toscana, <b>INV.:</b> D10042 - <b>SERIE</b> documentari, <b>NUM. DVD:</b> Videolibrary del Festival dei popoli, <b>QUALITÀ:</b> buona
 
copertina GUARDA L'INDICE
KNITTEL, Tomasz
Złota [risorsa elettronica] = Złota / regia Tomasz Knittel ; fotografia Maciej Puczyński ; montaggio Arek Iwaniuk ; musica José Manuel, Albán Juárez
PL : [s.n.], 2019
1 file AVI (854 mb) (84 min.) : color., son.
Festival dei Popoli, 2019 - Polish Institute. Sottotitoli in inglese.
Juárez, Albán. Manuel, José. Iwaniuk, Arek. Puczyńsk, Maciej.
Abstract: ENGLISH Why is Poland sometimes so tiring? What does it mean to be Polish? Is a tolerant or xenophobic nation? These and many other questions are posed by the film characters, the residents of today’s Warsaw, to each other (and the viewers). The group includes also those who came from very different cultures. Among them, there is Krzysztof whose family has recently recovered a townhouse owned by their Jewish ancestors before the war. He cannot see a place for himself in this country. His personal story gives rise to a few tales where the main theme is a sense of belonging. ITALIANO Perché la Polonia a volte è così faticosa? Cosa significa essere polacchi? È una nazione tollerante o xenofoba? Queste e molte altre domande sono poste ai personaggi del film, gli abitanti della Varsavia di oggi, gli uni agli altri (e agli spettatori). Il gruppo comprende coloro che sono provengono da culture molto diverse. Tra questi, c'è Krzysztof, la cui famiglia ha recentemente recuperato una casa di città di proprietà dei loro antenati ebrei prima della guerra. Non può vedere un posto per se stesso in questo paese. La sua storia personale dà origine ad alcune storie in cui il tema principale è il senso di appartenenza.
Lingua: Polacco.
Genere: Documentario.
VISIONABILE IN MEDIATECA SENZA PRENOTAZIONE