copertina GUARDA L'INDICE
KAURISMAKI, Mika
MalÍ DebalÍ [risorsa elettronica] / regia Mika Kaurismški ; soggetto Mika Kaurismški, Uwe Dresch, Marco Forster ; sceneggiatura Mika Kaurismški, Uwe Dresch, Marco Forster ; fotografia Jacques Cheuiche ; montaggio Uwe Dresch ; suono Uwe Dresch ; musica MalÍ DebalÍ
DE, FI, CH : Uwe Dresch Film Ltd, 2009
1 file mkv (2.60 gb) (56 min.) : color., son.
Sottotitoli in Inglese. Sottotitoli in Tedesco. Sottotitoli in Spagnolo . - Mediometraggio. - Altri formati: mp4.
Dresch, Uwe. Forster, Marco. Cheuiche, Jacques. DebalÍ, MalÍ.
1. Musica.
2. Danza.
3. Etnomusicologia.
4. Tradizioni popolari.
5. Strumenti musicali.
6. Sociologia.
7. Antropologia.
8. Multiculturalismo.
Abstract: Nel melting pot della megalopoli brasiliana di Salvador-Bahia, una piccola comunitŗ afro-brasiliana attira l'attenzione su di sť. Nel 1979, la comunitŗ ha fondato l'associazione culturale MalÍ DebalÍ. In questa associazione, la musica e la danza collegano lo stile di vita africano a quello brasiliano. MalÍ DebalÍ unisce la gente in una comunitŗ. Percussioni, musica e danza sono insegnate, allenate e celebrate per partecipare con orgoglio al leggendario carnevale di strada che si tiene una volta all'anno. Senza dubbio, MalÍ DebalÍ, con piý di 4.000 membri, 1.500 ballerini e 150 percussionisti, Ť "il piý grande balletto afro del mondo" come ha scritto il "New York Times". Al tempo stesso, il movimento intraprende una lotta per il riconoscimento sociale e per la possibilitŗ di sfuggire alla povertŗ. Il progetto MalÍ DebalÍ Ť un piccolo passo per superare il 'muro dell'Apartheid', apparentemente invisibile ma onnipresente in Brasile.

In the melting pot of the Brazilian megalopolis of Salvador-Bahia, a small Afro-Brazilian community attracts attention. In 1979, the community founded the cultural association MalÍ DebalÍ. In this association, music and dance link the African and Brazilian lifestyles. MalÍ DebalÍ unites people into a community. Percussion, music and dance are taught, trained and celebrated in order to proudly participate in the legendary street carnival held once a year. Undoubtedly, MalÍ DebalÍ, with more than 4,000 members, 1,500 dancers and 150 percussionists, is "the largest Afro ballet in the world" as the "New York Times" wrote. At the same time, the movement wages a struggle for social recognition and the possibility of escaping poverty. The MalÍ DebalÍ project is a small step towards overcoming the 'Apartheid wall', apparently invisible but omnipresent in Brazil.
Lingua: Portoghese.
Genere: Documentario.
VISIONABILE IN MEDIATECA SENZA PRENOTAZIONE